SCHERMA TREVISO MAESTRO ETTORE GESLAO A.S.D.

Scherma Treviso Maestro Ettore Geslao A.S.D.

EMERGENZA COVID-19

ATTENZIONE!

Con riferimento all’emergenza Covid-19, lo svolgimento dell’attività potrebbe subire variazioni.

Invitiamo a monitorare gli aggiornamenti sui canali social Facebook e Instagram.

Ultime news

Quasi ci siamo.
Oggi pulizie di fondo grazie al preziosissimo contributo di alcuni genitori.
È stato bello ritrovarsi e condividere qualche ora assieme dopo tanto tempo.
Siamo ai blocchi di partenza in attesa dello Start.
Nei prossimi giorni pubblicheremo anche il protocollo, ma possiamo dire che la stagione 2020/21 è proprio alle porte.
Grazie, ci vediamo a brevissimo!
... See MoreSee Less

View on Facebook

Oggi è il compleanno del Nostro sodalizio, fondato il 18 settembre del 1957. Abbiamo i capelli grigi, ma siamo ancora giovani. L’occasione è gradita anche per comunicare che il 2 Ottobre al Nostro Presidente, Andrea Sirena, verrà conferito il Distintivo D’Onore, onorificenza della FIS per la continua e meritoria azione nel campo della promozione e dell’attività agonistica contribuendo a diffondere, migliorare ed organizzare la scherma in Italia 🇮🇹.
Noi, che lo conosciamo da vicino, possiamo solo confermare e sottoscrivere. 👏👏👏
... See MoreSee Less

View on Facebook

Lo avevamo detto all’inizio della Nostra avventura: l’unione fa la forza !!!
Grazie ai Nostri Maestri e ai Nostri Atleti e grazie a Noi che ci abbiamo creduto e abbiamo voluto spingerci oltre.
7.ma Società d’Italia, ma stati così in alto.
G R A Z I E
... See MoreSee Less

View on Facebook

Mario Conte:
Carissimo Sindaco, noi lo avevamo promesso. Ci siamo uniti perché sapevano di poter fare un grande balzo in avanti.
Siamo la 7.ma società d’Italia su oltre 300.
Ogni anno lottiamo con le unghie e con i denti per migliorarci e offrire servizi sempre più efficaci ai nostri atleti.
Vorremo confermarci ed essere sempre più un modello per organizzazione ed ambiente, ma ci serve più che mai una “casa”.
Abbiamo atleti di Interesse Nazionale sia nella Scherma Olimpica che Paralimpica, ma soprattutto abbiamo una moltitudine di ragazzi e bambini che si divertono, che amano questo sport.
È a loro e per loro che dobbiamo dare delle risposte.
Sappiamo il carattere d’urgenza legato alla COVID-19, ma crediamo che Treviso meriti strutture sportive adeguate al blasone che rendono la Nostra città come una delle più sportive d’Italia.
È almeno da 20 anni che viviamo con le promesse e una condizione era quella di unirsi.
Lo abbiamo fatto ed ora aspettiamo fiduciosi che qualcosa di concreto si muova per dare corpo e struttura a quanto stiamo facendo con tanto sacrificio ed immutato entusiasmo.
Grazie per quanto potrà fare, noi amiamo la Nostra città il cui nome, con orgoglio, portiamo cucito al petto - proprio lì dove c’è il cuore - nei palazzetti d’Italia e del Mondo.Lo avevamo detto all’inizio della Nostra avventura: l’unione fa la forza !!!
Grazie ai Nostri Maestri e ai Nostri Atleti e grazie a Noi che ci abbiamo creduto e abbiamo voluto spingerci oltre.
7.ma Società d’Italia, ma stati così in alto.
G R A Z I E
... See MoreSee Less

View on Facebook

Lo avevamo detto all’inizio della Nostra avventura: l’unione fa la forza !!!
Grazie ai Nostri Maestri e ai Nostri Atleti e grazie a Noi che ci abbiamo creduto e abbiamo voluto spingerci oltre.
7.ma Società d’Italia, ma stati così in alto.
G R A Z I E
... See MoreSee Less

View on Facebook

Finalmente possiamo ufficializzarlo: il 15 settembre ripartiamo.
Inutile sottolineare quanto siano stati mesi complessi tra coronavirus e lavori di ristrutturazione del Palazzetto CONI.
Un grande lavoro di mediazione e di cooperazione sportiva spinto all’inverosimile dal Nostro vulcanico Presidente Andrea Sirena, ha permesso a Scherma Treviso Maestro Ettore Geslao e a ASD Judo Treviso di trovare casa assieme.
L’amministrazione civica nelle persone di Silvia Nizzetto e Andrea De Checchi (rispettivamente assessore allo sport e vice Sindaco) ha permesso di trovare una soluzione.
La sede sarà in Strada Ovest a poche centinaia di mt dal Palazzetto CONI.
Ci aspetta una stagione nuova, ma sarà ricca di entusiasmo ed opportunità.
Nei prossimi giorni Vi forniremo ragguagli più precisi.
Siete pronti? A Voi !!!
... See MoreSee Less

View on Facebook

Il razzismo non è un problema politico, ma sociale.
Aggiungiamo:
La politica deve rimuovere tutti gli ostacoli sociali che fomentano il razzismo.
Scherma Treviso Maestro Ettore Geslao è da sempre contro ogni forma di discriminazione e razzismo.

www.facebook.com/140879052705332/posts/3003886779737864/?d=n«Chi non è nero non è in grado di comprendere davvero quello che hanno sofferto. E che stanno soffrendo ancora. Alcuni miei compagni mi hanno raccontato di episodi di cui sono stati protagonisti loro malgrado. E solo a causa del colore della loro pelle. Ed essere stelle del basket non li ha aiutati. (...) Credo che lo sport abbia un potere enorme. Noi atleti dobbiamo essere i primi ad amplificare certe storture attraverso le nostre piattaforme. I confini ormai non esistono più. Lo abbiamo visto con George Floyd, quando tutto il mondo si è inginocchiato. Un poliziotto che spara nel Wisconsin è anche un problema nostro, non solo del Wisconsin. (...) Noi sportivi abbiamo un peso: dobbiamo sfruttarlo. Il razzismo non è un problema politico ma sociale. Non possiamo coprirci gli occhi e fare finta che non accada nulla. Ci sono cose più importanti di una partita di basket».

(Marco Belinelli sul Corriere di oggi)
... See MoreSee Less

View on Facebook

42 anni fa nasceva Kobe Bryant.
Poco importa quale fosse lo sport praticato, ma per arrivare lì dove osano le aquile, be’ quel fuoco è fondamentale.
Breve storia, per aneddoti, per raccontare un atleta divenuto leggenda ancor prima di quel maledetto 26 gennaio 2020.

www.facebook.com/140879052705332/posts/2989123111214231/?d=n- 1984. Claudio Di Fazi, figlio di Italo, per farlo divertire, decise di schierare Kobe, 6 anni all'epoca, nel trofeo minibasket di Rieti, malgrado avesse due-tre anni in meno dei giocatori ammessi. Kobe non avrebbe potuto giocare ma l’allenatore della squadra avversaria, Gioacchino Fusacchia, chiuse un occhio: «Così piccolo cosa potrà mai fare?» pensò candidamente. Invece, non appena iniziò la partita, Kobe si impossessò della palla e andò a segnare. Gli avversari effettuarono la rimessa ma Kobe intercettò la palla e segnò ancora. Nuova rimessa avversaria e nuova palla rubata e nuovo canestro di Kobe. Si andò avanti così per altre 4 o 5 azioni. Nessun altro, tra compagni ed avversari, riusciva più a toccare la palla. A quel punto qualche bambino cominciò a piangere, i genitori si spazientirono e Fusacchia chiamò subito time-out per andare dall’amico Di Fazi e dirgli: «O togli subito Kobe dal campo o faccio un macello e ritiro la squadra perché è pure fuori età!».... «Ok – rispose rassegnato Claudio – ma ora chi glielo spiega a Kobe?» il quale infatti non capì perché doveva abbandonare la partita e scoppiò in un pianto dirotto. Dovettero inventarsi l’immaginario trofeo di miglior giocatore del torneo per consolarlo.
- 1988. Quando Kobe Bryant ha 10 anni la Reggiana riesce sfatare un grande tabù. Dopo tante sconfitte batte in finale l'acerrimo nemico, la squadra di Novellara, paese in provincia di Reggio e grande fucina di talenti. Non vincono, ma stravincono di 30 punti. Kobe ne mette "solo" una trentina. "Solo" perché per regolamento nessuno poteva giocare più di due quarti. Già a quell'età la passava poco, ma incantava tanto.
- A 11 anni, mentre si allena a Reggio Emilia si fa male al ginocchio. Nulla di grave ma scoppia a piangere a dirotto nello spogliatoio. Il capitano della squadra prova a consolarlo ma Kobe lo manda a quel paese urlando che quell’infortunio avrebbe precluso il suo approdo in NBA. Tutti i compagni scoppiano a ridere. Ma 7 anni dopo...
- 1989. Cutigliano, camp estivo di basket vicino Pistoia (foto). Kobe, 11 anni, essendo più bravo degli altri bambini, insiste per sfidare 1 contro 1 uno degli allenatori del camp. Il coach, però, per paura di perdere, cambia le regole standard e alla fine riesce a vincere di 1. Kobe lo ha stressato tutto la settimana per avere la rivincita. Andava a bussargli di notte in camera per chiedergli la rivincita. Gli ha chiesto la rivincita anche 20 anni dopo, quando, i due, si sono rivisti a New York.
- 1990. Montecatini. Torneo "Piattelli", in campo tanti giocatori di categoria ed ex giocatori. Il papà Joe chiede agli organizzatori di poter buttare nella mischia per qualche minuto il suo bambino. Arriva il suo turno, coach Ialuna, controvoglia, lo fa entrare in campo. E' sicuro che possa rovinare l'andamento della partita. Gli avversari gli lasciano spazio per non infierire su un bambino con una canotta che gli arriva alle ginocchia. Primo tiro, tripla realizzata. Secondo tiro, 2/2 da tre. Oggi, ad anni di distanza, c'è una foto di gruppo con Kobe 12 enne. Dietro c'è una dedica di coach Ialuna: "Ho allenato benzinai, ristoratori, geometri, e anche Kobe Bryant".
- 7 anni dopo il dolore al ginocchio a Reggio, in una palestra di Inglewood: Jerry West, GM dei Lakers, vede per la prima volta Kobe e se ne innamora perdutamente. Nella prima occasione lo fa giocare uno contro uno con Michael Cooper, 40enne assistente della squadra ancora in ottima forma e miglior difensore dell’anno NBA nel 1987. La seconda contro Dontae Jones, reduce dalle Final Four NCAA disputate con Mississippi State. Kobe li distrugge entrambi, costringendo il secondo a gettare la spugna dopo essere stato umiliato. West non ha bisogno di altro: “Mai visto in vita mia un workout come quello. Quando dissi che avevo visto abbastanza, dicevo sul serio: bisogna avere una certa cattiveria per giocare a basket al più alto livello, e anche la freddezza dell’assassino: Kobe le aveva entrambe”.
- Luke Walton: "Una sera avevo bevuto troppo e il giorno dopo c'era allenamento. Kobe Bryant disse al resto della squadra che nessuno aveva il permesso di aiutarmi in difesa e che io avrei dovuto difendere su di lui per tutto l'allenamento. Segnò più o meno 70 punti".
- Jamal Crawford: "Un giorno sono entrato in palestra e Kobe stava tirando dal gomito dell’area. Gli ho chiesto “da quanto sei qui?” e lui mi ha risposto “da venti minuti”. Anche a me andava di fare un po’ di tiro e gli ho chiesto se gli andasse di fare una gara. “Non posso” mi rispose “ho appena iniziato con questo tiro”. Gli chiesi se da venti minuti stesse tirando dallo stesso gomito dell’area e mi rispose di sì. “Torna fra 40 minuti, per allora dovrei avere finito”. Me ne andai, ma non volevo credere che una persona potesse tirare per un’ora intera dalla stessa, noiosissima posizione, così tornai 35 minuti dopo e lui era ancora lì. Da 55 minuti tirava dalla stessa identica inutile posizione senza neppure muovere i piedi".
- Shaquille O'Neal: "Entrai in palestra e me lo trovai lì. La cosa non mi sorprese particolarmente, anzi, in realtà capitava tutti i giorni. Ma quel giorno c’era qualcosa di strano: non c’era neppure un pallone in tutto il palazzetto, eppure lui era sudato fradicio. Stava provando, completamente da solo, dei movimenti senza palla, robe tipo tagli, blocchi, allontanamenti. Gli chiesi se fosse impazzito. Mi rispose che non capiva come mai nessun altro lo facesse".
- 1997, Adidas Playground League, torneo estivo di basket, tappa di Milano. Dario Licari racconta: "Ero un giocatore amatoriale di calcio, a basket facevo schifo, ma partecipai al torneo con degli amici. Avevo i dread, giravo per gli stand con un cappello da vichingo e un cartello con su scritto “Applausi” e dietro “non vi sento”. Gli organizzatori mi assegnarono il premio simpatia del torneo... e mi invitarono a partecipare alla partita delle stelle. In campo, io, Andrea Meneghin, Joe e Kobe Bryant, allora 19 enne. Mi sono presentato in inglese, con una frase scolastica. Ma lui mi ha risposto in italiano lanciandomi una sfida. Se gli avessi fatto un canestro in faccia, mi avrebbe regalato qualcosa. Io ho puntato subito alle scarpe. Lui ha accettato... Primo pallone, del match, anziché passarla, faccio due passi indietro e tiro da centrocampo. Tabellata e... canestro. E' scoppiato un boato incredibile. A fine partita, come promesso, Kobe mi ha regalato le sue Adidas Crazy 8. Ho provato a metterle alcune volte con tre paia di tubolari, ma sono un numero improponibile...".
- Ron Artest: "Sapevo della sua ossessione per il lavoro da solo, e mi convinsi che anche solo per un giorno, sarei dovuto arrivare in palestra prima di lui. Il primo giorno giunsi al palazzetto due ore prima dell’allenamento, e me lo trovai lì. Allora mi presentai tre ore prima dell’allenamento, e lui era lì. Il giorno dopo, per ripicca, arrivai 4 ore prima dell’allenamento, e lui era lì. Mi parve incredibile e gli chiesi “ma non hai due bambine da portare a scuola?” “certo, mi disse, le ho portate alle otto” “non è possibile, sono arrivato alle sette e mezzo e ti ho visto qui”. “Tu mi hai chiesto se ho portato le mie figlie a scuola, non a che ora sono arrivato”.
- Marcelo Huertas: "Giocavamo contro Utah, in una serie di partite lontano da casa. Non fui abbastanza rapido a leggere una situazione di pick and roll e la palla mi scappò dalle mani perchè non ero pronto. Chiesi scusa a Kobe che mi aveva fatto il passaggio e lui mi disse di non preoccuparmi e di stare concentrato. La sera, in albergo, stavo per prendere sonno quando sentii bussare alla porta della camera. Entrò Kobe con un iPad su cui aveva messo la registrazione della partita e mi fece rivedere quel pick and roll sbagliato per dieci volte di seguito"
- Olimpiadi di Londra 2012, Team Usa. Il primo giorno di preparazione, Kobe chiede il numero di telefono al preparatore fisico. Lo chiama dopo l'allenamento per chiedergli di fare lavoro individuale. Ore 4:15 del mattino... Alle 4:45 i due si trovano in palestra. Lavorano insieme per circa 2 ore, poi il preparatore torna a letto mentre Kobe continua con gli esercizi. Alle 11 ci sarebbe stato allenamento di squadra, e quando il preparatore è arrivato, LeBron, Durant e Melo stavano chiacchierando, ma nell'altra metà campo c'era Kobe sudato che tirava da solo. Il preparatore si avvicina per dirgli che avevano fatto un bel lavoro insieme qualche ora prima. Kobe annuisce. Il preparatore gli chiede a che ora ha finito con gli esercizi. Kobe fa l'ultimo tiro, si gira, lo guarda dritto negli occhi e gli risponde "Proprio adesso".

42 anni fa nasceva Kobe Bryant. Il bambino che non si separava mai dalla palla. Il ragazzo che distruggeva ogni avversario. Il Campione che ha scritto pagine di storia della pallacanestro. Il papà che avrebbe fatto qualsiasi cosa per la sua famiglia.
Quel sorriso, quello sguardo magnetico, tutto ciò che ci ha regalato nella sua breve vita: chiudiamo gli occhi e ce li abbiamo sempre lì, impressi nel cuore e nella mente.

-
(foto di Gianluca Giuntoli, aneddoto di Rieti via BASKET RIETI)
... See MoreSee Less

View on Facebook

Vi chiediamo di pazientare ancora qualche giorno.
Nel frattempo abbiamo trovato tra i Nostri ricordi questa foto di repertorio: 5 anni fa, Campionati Italiani Cadetti e Giovani.
Per Noi fu una grande sfida vinta grazie all’apporto di un gruppo eterogeneo e meraviglioso.
Grazie davvero, questa foto incarna lo spirito del Nostro sodalizio.
A presto ❤️
... See MoreSee Less

View on Facebook

Il 14 Agosto del 2004 alle Olimpiadi di Atene, Aldo Montano scrive una delle pagine più belle di sempre della Scherma italiana.
In un assalto incredible, sotto per 5 a 1, gestendo stoccata per stoccata si porta ad 8 pari.
Per la prima volta va in vantaggio sul 12 a 11.
Sul 14 a 13 per l’avversario mette l’arma in linea, una stoccata “pazza” nel momento più delicato, in palio c’è l’Oro.
Aldo si porta pari.
Pronti? A Voi! Due luci: attacco di Montano, oro, capriola e salto in braccio del francese Bauer, all’epoca CT della nazionale.
L’adrenalina mostrata, la sua naturale empatia, la capacità espressiva e comunicativa lo portarono ad essere uno degli sportivi più gettonati dai media.
E furono una miriade i giovanissimi che si avvicinarono alla Scherma grazie alle gesta di Aldo.

Aldo Montano pagina ufficiale

youtu.be/KtAr7V46dKU
... See MoreSee Less

View on Facebook