Scherma Treviso A.S.D.

Roma: Campionati Italiani Assoluti e Paralimpici 2016

Roma: Campionati Italiani Assoluti e Paralimpici 2016

L’ultimo appuntamento agonistico della stagione è ovviamente il più importante: i Campionati Italiani Assoluti rappresentano l’arrivo del cammino che comincia con le selezioni di ottobre, passa attraverso le Prove Nazionali e la Coppa Italia, per giungere infine laddove tutte le strade dell’antichità portavano: a Roma Capitale.

L’edizione 2016 è quella dei record per Scherma Treviso: 4 atleti in 5 gare individuali diverse, un’atleta impegnata nella gara a squadre coi fregi della Polizia e la nostra rappresentativa di Fioretto Femminile: mai così presenti, a coronazione della stagione straordinaria che si è appena conclusa.

Spada Femminile Individuale la neo-poliziotta Eleonora De Marchi non poteva fare miglior figura nella prima gara coi fregi delle Fiamme Oro: dopo un 3-2 al girone Eleonora conferma il suo momento di forma incredibile superando prima la ligure Aghilar nei sedicesimi e poi la romana Falqui negli ottavi (entrambe atlete con parecchie esperienze in nazionale maggiore), per poi arrendersi nei quarti all’aviere Ferrari. Un ottavo posto finale che rappresenta la consacrazione di Eleonora tra il gotha della lama triangolare italiana.

Spada Maschile Individuale nel suo ultimo anno tra i giovani finalmente Gianluca Casaro ha ottenuto quello che giustamente gli spetta: l’accesso tra i migliori interpreti italiani della specialità. Tuttavia l’altissimo livello di tutti i partecipanti fa sì che Gian non riesca a passare per pochissimo le forche caudine dei gironi, chiudendo con una vittoria e il 35° posto finale.

Fioretto Femminile Individuale l’aviere Elisabetta Bianchin, da sempre abituè dell’appuntamento assoluto, esprime il meglio di sé nella fase a gironi vincendo ben 5 assalti su 6 e conquistandosi l’ottavo posto nel tabellone di eliminazione diretta dove però il destino le fa incrociare le lame con la rivale Tangherlini la quale conferma il grande equilibrio di risultati tra le due: nella Coppa Italia ha trionfato Elisabetta mentre qui il destino sorride (per una sola stoccata) all’atleta jesina che conquista così l’accesso agli ottavi. 17° posto finale per Elisabetta.

Spada Maschile Paralimpica Categoria A Matteo Dei Rossi inizia molto bene la due giorni di gare che lo vede impegnato come uno degli astri nascenti della Paralimpica italiana: nell’arma non convenzionale il super girone all’italiana vede Matteo conquistare ben 6 vittorie, guadagnando così il terzo posto nel tabellone di e.d. e il byepass del primo turno. Nel secondo arriva la netta vittoria sul torinese Ghiosso mentre la semifinale purtroppo se l’aggiudica il bolognese Lambertini, eterno rivale del nostro Ginger. Un Bronzo finale che ne sancisce comunque il valore assoluto anche in prospettiva Paralimpiadi.

Fioretto Maschile Paralimpica Categoria A   Nella seconda arma và in scena lo stesso copione ma a parti invertite: Matteo, dopo aver eliminato sempre il torinese Ghiosso, si prende la rivincita sull’atleta emiliano vincendo nettamente la semifinale e andando a giocarsi il titolo nazionale con il fortissimo esponente della polizia Betti il quale – in piena preparazione per Rio2016 – non lascia scampo al nostro Matteo, che chiude con l’argento

Spada Femminile a Squadre Eleonora De Marchi conquista il suo primo titolo italiano assoluto a squadre andando a vincere con la rappresentativa delle Fiamme Oro la finale contro la rappresentativa dell’Esercito. La coronazione di una stagione incredibile, giunta come ogni merabilia che si rispetti all’ultima stoccata, messa dalla compagna Clerici sulla neo campionessa italiana Navarria.  Nei turni precedenti le Poliziotte avevano eliminato nientemenoche l’Aeronautica Militare e La Forestale della bicampionessa del Mondo Fiamingo. Determinante, sempre, l’apporto di Eleonora in tutte queste vittorie.

Fioretto Femminile a Squadre  chiudiamo con la nostra rappresentativa di fioretto, che purtroppo non riesce nel miracolo di salvarsi e mantenere la partecipazione alla A1 anche per l’anno prossimo: fatale è il match di spareggio con Rapallo che vede le nostre soccombre per poche stoccate.