Seconda Prova di Selezione Regionale di Spada Rovigo

In una atmosfera surreale, completamente avvolti dalla più persistente delle nebbie si è svolta domenica la seconda prova di selezione regionale di Spada, che assegnava i (pochi) pass disponibili per la Prova Nazionale di Bolzano.

E’ stato semplicemente un TRIONFO per Scherma Treviso, una grandissima gioia ed emozione per tutto lo staff presente e una delle più belle pagine per un gruppo che ha nella coesione e nell’affiatamento le sue armi migliori.

La prova maschile ha visto infatti la vittoria di Gianluca Casaro, che in un contesto tutto sommato impegnativo anche per un atleta del suo calibro è riuscito comunque a non commettere neppure un passo falso, sbarazzandosi con facilità di tutti gli avversari che si sono parati innanzi. Una gara di grande carattere si potrebbe dire, che speriamo sia di buon auspicio per palcoscenici più importanti. Sfiora soltanto la qualificazione Filippo Cesaro, che dopo un 6-0 nei gironi e due dirette passate si arrende all’ultima stoccata (15-14) nel match di spareggio per il pass, chiudendo al 13° posto. Al turno precedente si erano fermati Lorenzo Fornaseri e Marco Gomirato (entrambi 4-2 ai gironi), con il primo capace di battere nella fase a gironi anche il secondo classificato finale, il bolzanino Lauria. 25° e 22° posto finale per loro. Nel turno precedente si era invece fermata la corsa di  Davide Schiavon (4-2), Riccardo Visentin (3-3) ed Emanuele Gasparin (2-4): il primo paga un momento di lucida follia che gli fa perdere un incontro già quasi vinto, il secondo, forse un po’ “pascio” dell’ottimo girone fatto si arrende troppo facilmente ad un avversario alla sua portata mentre il terzo paga lo scotto di un girone non brillantissimo che lo costringe all’accoppiamento contro un forte avversario di Castelfranco (34° ,51° e 55° e  i loro piazzamenti finali). Una prova comunque solida da parte di tutti i nostri maschietti, che sono sempre considerati degli avversari mai comodi da affrontare.

 

La prova femminile è stata invece la coronazione della nostra società come il Punto di Riferimento della Spada nel Veneto: una fantastica “doppietta ORO- ARGENTO” che vede in finalissima Lara Pasin vincere su un’eroica Jessica Manzo, stremata a fine gara. Con l’aggiunta (ed un pelo di rammarico per la terza medaglia sfiorata) di Isabella Ambrosi ottima 6a classificata e quindi qualificata anche lei per Bolzano. 10 le nostre atlete in gara e TUTTE hanno passato (come i maschietti) la fase a gironi, compresa la giovane Elisa Tisci che, al suo esordio nelle gare di spada degli assoluti, ottiene ben 2 vittorie per poi arrendersi ad una forte avversaria di Padova nel primo scontro diretto. 53° posto finale per lei. La prima diretta è fatale anche per Marica Baseotto (3-3) che perde un tiratissimo derby (15-14 il risultato finale con continui ribaltamenti di fronte) con Eleonora Measso (4-2), chiudendo 45a. Eleonora si arrende però al turno successivo, così come Annalisa Bulzatti (4-2), anche lei “caduta” per mano di una compagna di sala, in questo caso Isabella Ambrosi, e  Giorgia Molocchi (4-2) che capitola di fronte alla forte avversaria De Boni, vincitrice della prima selezione di ottobre. Il tabellone di accesso per le 16, e quindi per gli eventuali ripescaggi è fatale anche per le nostre due atlete “Master”: Sabina Fava dopo un girone perfetto (6-0) ed il byepass del primo turno di diretta, incappa in un’avversaria che le ruba completamente la misura, costringendola a mosse imprudenti che si rivelano fatali; Tiziana Schiavon invece (4-2) dopo una prima diretta vinta non troppo agevolmente si trova a dover cedere il passo ad una forte atleta veronese. La classifica finale recita: Annalisa 25a, Giorgia 24a, Tiziana 23a, Eleonora 21a e Sabina 17a.  Nel turno valido per l’accesso in finale mentre Isabella e Lara se la cavavano con facilità Jessica si trovava a vendicare l’amica Giorgia riuscendo con un fantastico recupero nel terzo tempo ad avere la meglio sulla vicentina De Boni. Negli assalti dei quarti Isabella non riesce a trovare la misura con l’atleta rodigina Bertaglia e nonostante delle belle stoccate è costretta a rimanere ai piedi del podio, Lara asfalta nettamente la veronese Robbi (mattatrice di Tiziana) con un 15-5 mentre Jessica firma il suo capolavoro battendo in un assalto al cardiopalma la favoritissima Mazzoleni di Castelfranco (prima di ranking nella gara). Le semifinali vedono Lara sbarazzarsi con una facilità disarmante della forte atleta Padovana Favaretto (grandissimo prospetto nazionale al primo anno tra le cadette) mentre per Jessica c’è un altro assalto tiratissimo contro la Bertaglia (alta almeno 40 cm meno di Jessica), che vede Jessica sotto fino al 12-10 per poi piazzare un 5-0 finale coronato da un grandioso urlo di vittoria. La finalissima è una formalità per una Lara decisamente imbattibile oggi, ma è soprattutto un tripudio per il Vicepresidente che da allora non riesce a togliersi il sorriso dalla faccia! Bottino Pieno!

rovigo6 rovigo12 rovigo19 rovigo18 rovigo22 rovigo21 rovigo20 rovigo10 rovigo9 rovigo8 rovigo7 rovigo5 rovigo4 rovigo3 rovigo2 rovigo1 rovigo17 rovigo16 rovigo15 rovigo14 rovigo11

ciao